#FEMSmicroBlog: il 17 settembre è la Giornata Internazionale del Microrganismo. Ma perché proprio il 17 settembre?

08-09-2021

Manca poco alla Giornata Internazionale del Microrganismo 2021. La data, il 17 Settembre, nasconde una storia molto interessante. In questo nuovo articolo del #FEMSmicroBlog scopriremo qual è la relazione fra il 17 settembre e i “piccoli animaletti” che si trovano nell’acqua dei canali di Delft (Paesi Bassi), i batteri nei denti, la corrispondenza con la Royal Society di Londra, l’arte microbica e altro ancora! #MicrobiologyisEverywhere

*To the original English version: #FEMSmicroBlog: 17 September is International Microorganism Day. But why 17 September?*

La microbiologia, la microscopia, la zoologia e lo studio di qualsiasi cosa più piccola di quanto possa essere visto con l’occhio umano, considerano il ​​mercante olandese Antonie van Leeuwenhoek (1632-1723) come loro pioniere e fondatore. Antonie van Leeuwenhoek non aveva una formazione scientifica e tantomeno un’istruzione, ma la sua curiosità era insaziabile. Servendosi di lenti e microscopi di sua invenzione, esaminava in dettaglio ogni sorta di oggetto quotidiano, tra cui api, grani di pepe, pidocchi e funghi. Quando nel 1677 si mise ad osservare  l’acqua del canale attraverso il suo microscopio, rimase stupito nel vedere quelli che chiamò “animaletti minuscoli’’ o animalcules (che letteralmente significa “piccoli animali”, ora definiti protisti), i primi microrganismi ad essere stati osservati.

Sebbene non fosse il primo ad utilizzare un microscopio, le sue lenti erano superiori a qualsiasi altra cosa usata prima ed erano in grado di ingrandire gli oggetti di un fattore di circa 300,  consentendogli di osservare dettagli piccoli quanto 1,35 μm. (con una potenza di 5-6 volte superiore rispetto al microscopio usato dal suo contemporaneo Robert Hooke).

Una replica moderna del microscopio di van Leeuwenhoek, il cerchio a sinistra rappresenta una lente minuscola.

Nel 1683, l’ultimo oggetto ad essere stato sottoposto all’osservazione microscopica di van Leeuwenhoek, fu la placca dei suoi stessi denti. Su questa fece la sua successiva grande scoperta, descrivendo i diversi movimenti di questi animaletti nella placca, diventando la prima persona ad osservare i batteri. Da indagatore diligente com’era, descriveva, misurava e illustrava le sue osservazioni. Molte di queste sopravvivono e risultano tuttora incredibilmente dettagliate.

[…] Il mio lavoro, che ho svolto per molto tempo, non è stato perseguito per ottenere gli elogi di cui ora godo, ma principalmente per un desiderio di conoscenza, che noto risiede in me più che nella maggior parte degli altri uomini.

— Antonie van Leeuwenhoek (1632-1723)

Van Leeuwenhoek inviò una lettera piena di osservazioni, delineando quello che fu visto per la prima volta esclusivamente da lui, alla Royal Society di Londra. Spinto dalla curiosità, sperava che persone ugualmente curiose trovassero interessanti le sue osservazioni. Forse queste scoperte l’avrebbero fatto passare alla storia come uno dei pionieri del mondo microscopico. Questa lettera monumentale è datata 17 settembre, un evento che merita di essere commemorato.

Una delle illustrazioni di van Leeuwenhoek,
tra cui il movimento tipico dei batteri (lettera C-D). ©Royal Society

Purtroppo la lettera che annunciava questa scoperta fu accolta con ampi dubbi dalla Royal Society e molti membri si rifiutarono di credere nell’esistenza delle creature microscopiche di van Leeuwenhoek. Tuttavia, Robert Hooke, Curatore degli Esperimenti presso la Royal Society, ripeté l’esperimento utilizzando i suoi stessi microscopi ed è stato in grado di verificare le osservazioni di van Leeuwenhoek e confermare le sue scoperte. Queste lettere e esperimenti furono tutti pubblicati sulla rivista Philosophical Transactions della Royal Society.

Ecco perché il 17 settembre è stato scelto come giorno per celebrare l’enorme impatto e la grande diversità dei microrganismi. Questo anche per evidenziare che la microbiologia è stata fin dall’inizio un campo collaborativo, che coinvolge la cooperazione internazionale, la corrispondenza, la riproducibilità degli esperimenti, la valutazione paritaria e la pubblicazione sin dal 1683.

La Federazione delle Società Microbiologiche Europee (FEMS) , l’ Accademia Europea di Microbiologia (EAM) e la Società Portoghese di Microbiologia stanno  lavorando per istituire il 17 settembre come Giornata Internazionale del Microrganismo, come celebrazione annuale della microbiologia.

  • Se vuoi festeggiare anche tu, puoi scoprire molto di più sul meraviglioso e invisibile mondo dei microrganismi tramite il nostro sito web della Giornata internazionale dei microrganismi.
  • Anche quest’anno, FEMS organizza un concorso d’arte sui microbi per celebrare la Giornata Internazionale dei Microrganismi. Leggi di più su come partecipare al Microbe Art Competition in questo articolo!

Riguardo l’autore di questo blog

Il team FEMS , che ha sede a Delft prima e dopo l’attuale pandemia di SARS-CoV-2/COVID-19, lavora dietro le quinte per contribuire  alla strategia FEMS 2020-2024

Riguardo questa sezione del blog

La sezione #MicrobiologyIsEverywhere riconosce che la microbiologia non ha confini, così come il fatto che i microbiologi sono ovunque e la comunità FEMS si estende ben oltre l’Europa. Questa sezione accetta contributi da ottimi blog tradotti in inglese. Anche le storie regionali di rilevanza globale sono benvenute.

Do you want to be a guest contributor?
The #FEMSmicroBlog welcomes external bloggers, writers and SciComm enthusiasts. Get in touch if you want to share your idea for a blog entry with us!

Back to top

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Share this news